mercoledì 10 dicembre 2014

Adelfia, un comune spolpato da Destra e Sinistra


In 12 anni abbiamo contratto 12 milioni di debiti. I responsabili? Tutto l'arco istituzionale locale.

 Sul sito del Ministero degli Interni, alla voce "Finanza Locale" è possibile estrapolare tutti i dati dei mutui contratti dalle amministrazioni locali. Un sistema informativo importante che mette alla luce le difficoltà che corre il nostro paese. Un dato su tutti. I debiti complessivamente contratti dai nostri amministratori dal 1995 al 2007 ( per fortuna dopo è arrivato il Patto di Stabilità a fermarli) ammonta a € 12.000.000 ( dodici milioni).

Le entrate complessive del nostro comune nel 2013 sono state di 8,5 milioni, tanto per dare un metro di paragone. Insomma nel corso di 12 anni, di anno in anno ci siamo indebitati per un valore di 1 milione di euro. Le responsabilità sono quasi equamente ( se deflazionati) ripartite tra centro-sinistra ( di cui assessore è stato l'attuale sindaco Antonacci) e centro-destra con l'esperienza del sindaco Nicassio.

Ogni anno, grazie a questi signori paghiamo 1 milione di euro di rate di mutuo, di cui € 300.000 di interessi. 

Cifre importanti considerata la situazione in cui versano le amministrazioni locali, stritolate dai vincoli di bilancio. Un metro di misura può darcelo il Comune di Capurso. Dal 1980 al 2000 (20 anni)  i mutui complessivi ammontano a meno di 1,8 milioni di euro, 7 volte meno del nostro paese in un tempo quasi doppio.
Ogni anno i nostri cugini capursesi pagano soltanto 144.000 euro di rate di mutuo e solo 20.000 di interessi

E la differenza si vede. E' notizia di oggi che il Comune di Capurso, ha potuto destinare 100.000 euro ( 1/3 degli interessi che ogni anno paghiamo) a fondo perduto ai piccoli imprenditori che avessero voluto investire in una nuova attività nel centro-storico capursese.
E' evidente che questa operazione avrà ritorni nel medio termine in quanto attività che funzionano fanno aumentare il gettito fiscale in favore del comune in un circolo virtuoso.
Al contrario noi, ogni anno paghiamo il triplo di quei fondi in sterili interessi che portano via ricchezza.

E' evidente che i debiti vanno onorati. Ma la domanda sorge spontanea.  Questi 12 milioni a cosa ci sono serviti? Ha Adelfia oggi un patrimonio di 12 volte superiore a Capurso?

Alle prossime elezioni chiedetene conto.

Antonio Di Gilio





Progetto Bretella Nord (Valenzano-Ceglie). A breve gli espropri.

Area di esproprio

Con delibera del consiglio comunale n.58/2014 si è approvato il progetto definitivo della strada di collegamento tra le due provinciali Adelfia- Valenzano e Adelfia - Ceglie.
L'intero progetto costerà 5 milioni di euro, di questi circa 350.000 euro sono destinati agli espropri.
Come si evince dal progetto si sono ricavati i seguenti prezzi di mercato base (1 ettaro sono 10 000 ):
- € 9.500,00/ettaro (P.M. prezzo di mercato coltura a seminativo);
- € 14.500,00/ettaro (P.M. prezzo di mercato coltura a uliveto);
- € 15.500,00/ettaro (P.M. prezzo di mercato coltura a vigneto);
- € 36.500,00/ettaro (P.M. prezzo di mercato coltura a vigneto di uva da tavola).
Tali prezzi di mercato sono riferibili ad un terreno di estensione ordinaria, di forma
regolare, mediamente pianeggiante, con coltivazione in piena età produttiva e sul quale
non insistono fabbricati di alcun tipo.

QUI potete scaricare i soggetti e i terreni che saranno sottoposti all'esproprio.

L'opera era attesa da decenni dal Comune di Adelfia considerata la rilevanza strategica.
Finalmente si chiuderà l'anello della circonvallazione mettendo in comunicazione due strade di collegamento nevralgiche tra i due rioni di Montrone e Canneto.
Tutto ciò avrà sicuramente positive ripercussioni sulla viabilità comunale interna andando a decongestionare il centro.

Un'opera attesa, speriamo di non attendere altri lustri per vedere l'opera terminata

Antonio Di Gilio

venerdì 5 dicembre 2014

Le casse comunali languono. La risposta è cementificare

Avviato il piano di una nuova lottizzazione sulla Adelfia-Valenzano per incassare circa 730.000 euro

 Con delibera di giunta n.137/2014, (scarica QUI)l'amministrazione comunale ha dato avvio al nuovo progetto di lottizzazione con progetto esecutivo denominato "Borgo Selvaggio".

Il progetto si estende su un'area di 35.122 mq e il consorzio dei proprietari dovrebbe investire una cifra intorno a 1,5 milioni di euro per le opere di urbanizzazione primaria


L'area individuata è a circa 350 metri dall'imbocco di Via Valenzano ed è evidente la distanza da tutti i servizi primari più importanti.
Scuole e asili, uffici postali, Municpio, piazze e negozi sono molto distanti e l'accesso si rivela fin da subito non semplice.

Infatti, visto l'immediatezza della ex provinciale bisognerà prevedere rallentatori o rotatorie idonee.

Ricordo le parole di Antonacci candidato sindaco nel 2011quando, rimproverando l'Amministrazione Nicassio affermava :



Diverte constatare che con questa lottizzazione  si va a creare una nuova zona residenziale, non solo non all'interno del contesto urbano, ma anche al quanto distante, senza un minimo di criterio logico.
Tuttavia, arriviamo a una certezza. Questa operazione farà incassare la ragguardevole cifra di € 729.157 dai contributi sul costo di costruzione e gli oneri di urbanizzazione.
Soldi freschi e veloci utili per poter tirare altri 18 mesi prima dell'arrivo delle nuove elezioni.
Peccato che i soldi prima o poi finiscono, e sul groppone dei contribuenti, resta un'isola urbana di cui dovranno farsi carico ( basti pensare allo stato pietoso di via Chiancaro).

Ancora più si resta basiti se si pensa che il mercato immobiliare è in crollo costante con un -20% dal 2010 dei valori delle case e ancora tanto invenduto da smaltire come riportato in un vecchio post
Il mercato immobiliare adelfiese in saldo. Il nostro il crollo maggiore 
Insomma una lottizzazione campata in aria, al solo fine di fare cassa, nel silenzio più totale di pezzi della maggioranza (e non solo) sempre pronti a stracciarsi le vesti sulle questioni ambientali. 
Mi riferisco alla sezione locale di  Sinistra Ecologia (?) e Libertà che tanto ebbe da ridire sull'operazione di passaggio di proprietà della circonvallazione, o che sul proprio sito ufficiale tanto ha denigrato lo Sblocca Italia (clicca QUI) per la cementificazione selvaggia. Stranamente adesso si silenzia davanti a queste improbabili scelte urbanistiche. 
Dimenticavo. Le Regionali sono alle porte

Antonio Di Gilio

NOTA A MARGINE: I privati interessati hanno tutto il sacrosanto diritto di costruire.
E' il PRG che a mio avviso produrrà "isolotti" urbani senza senso

domenica 30 novembre 2014

Primarie adelfiesi: vince Emiliano (sostenuto da Antonacci), inseguito da Stefano (SEL),

Le Primarie adelfiesi si chiudono con la vittoria di misura di Emiliano, inseguito da Stefano.
A distanza Minervini sostenuto dalla minoranza PD locale.
Questi i risultati:
Votanti: 746
Emiliano: 301 (40%)
Stefano: 264 (36%)
Minervini: 176 ( 24%)
Bianche/nulle: 5

N.B. il dato potrebbe subire alcune variazioni

martedì 18 novembre 2014

Caro elettore adelfiese di centro-sinistra, se il SILENZIO è inaccetabile alle primarie ANNULLA la tua scheda

Il 30 novembre, VAI A VOTARE, ma ricorda hai una quarta opzione per fare sentire la tua voce contro il silenzio della giunta Antonacci, mettere una grande X sulla scheda.

Mancano pochi giorni alle Primarie del centro-sinistra per l'elezione del candidato governatore della Regione Puglia che chiamerà i pugliesi al voto fra qualche mese.

I tre candidati sono l'ex sindaco di Bari, Michele Emiliano, l'assessore Guglielmo Minervini e per la quota SEL Dario Stefano.

Tuttavia, le Primarie di fatto, oltre che un sistema democratico di selezione della classe politica, sono anche una cartina di tornasoleper sottolineare il peso elettorale locale dei vari gruppi politici.Alle ultime regionali votarono circa 1200 persone, mentre per quelle dei candidati del senato (solo elettori PD) furono circa 800.

A differenza di tanti disfattisti che rivendicano il diritto di non votare in quanto alla fine "sono tutti uguali e non ne vale la pena", io ritengo che in politica i segnali siano importanti.

Generalmente, le schede nulle e bianche, soprattutto alle primarie, non raggiungono mai nemmeno lo 0,5%.
Dopo quasi un mese, il sindaco Antonacci continua a non rispondere alla domanda posta dal blog ( il contatore) e da molti cittadini sul proprio interesse a concorrere o meno alle prossime elezioni regionali.

Fenomenologia del silenzio. Sindaco Antonacci vuole fare il consigliere regionale SI o NO?


Infatti, il problema è dirimente. Se nulla si può sindacare sulle legittime prospettive di crescita politica ( la vicenda del tentativo di diventare senatore è ormai nota), politicamente avremmo da recriminare in quanto questo passerebbe attraverso nuove elezioni anche per Adelfia ( con costi per la collettività) se non addirittura il rischio di un commissariamento.

Il giornale TAG Magazine, ha prontamente richiesto un'intervista al sindaco e al consigliere Cistulli, ma purtroppo la prima data utile accettata è quella del 5 dicembre. Non traggo conclusioni sul fatto che questa data è successiva alla data delle primarie.


Purtroppo il silenzio ha riguardato tutta la giunta e i partiti che sostengono l'attuale governo cittadino e della serie "errare è umano, perserverare è diabolico" hanno nuovamente come gli struzzi messo la testa sotto la sabbia e attendono passivamente l'evolversi della situazione. In fondo se si rischia il voto, meglio non inimicarsi qualcuno.

Pertanto, anche se con una certezza matematica, questa mia proposta cadrà nel vuoto ( ma la speranza è l'ultima a morire), invito gli elettori del centro-sinistra adelfiese a recarsi alle urne per le primarie e di dare un segno politico tangibile a chi vi dovrebbe rappresentare nel vostro comune. ANDATE AL SEGGIO E ANNULLATE LA SCHEDA.
La valenza politica sarà tutta locale e nulla avrà a che vedere con i risvolti regionali

Se loro sono per il silenzio, per gli elettori è il momento che con lo strumento del voto ALZINO LA VOCE.

Antonio Di Gilio


domenica 16 novembre 2014

A paghèt???

Torno a scrivere sul blog che ho creato insieme ad Antonio, parlando di un fatto personale, ma non troppo, perché poteva capitare a chiunque.

Ieri ho visto alcune copie di un calendario 2015 dedicato alla festa di San Trifone, distribuito dal Comitato Feste. Ho sfogliato le varie pagine, trovando tante belle foto d'epoca e, con sorpresa, anche alcune in cui è presente mio nonno, il pirotecnico Luigi Gargano. Le foto erano quelle che io stesso ho consegnato al Comitato, senza conoscere l'uso che ne avrebbero fatto, quando un membro mi ha chiesto un aiuto.
Infatti, a fine calendario, ho trovato un ringraziamento anche per me per il contributo dato. Solo il cognome, per scrivere il nome si sprecava troppo inchiostro.

Mi è stata offerta una copia da una persona che l'aveva ricevuta, ma ho rifiutato rispondendo che l'indomani sarei andato direttamente al Comitato a chiederne qualcuna. Così ho fatto.

Questa mattina sono passato in Corso Umberto I e ho visto il locale aperto. Ho parcheggiato l'auto e ci sono entrato. Dopo una breve attesa, ho chiesto ai signori presenti qualche copia del calendario. La risposta, non troppo inaspettata a dire la verità, è stata un secco "Hai pagato?". La risposta l'avevo già pronta:
"Veramente no" - dico - "però penso di aver dato comunque un contributo con le foto che vi ho dato e che avete inserito nel calendario. Avete scritto pure il ringraziamento sull'ultima pagina.".
L'uomo non ne ha voluto sapere: "Se non hai dato niente non posso dartelo. Le copie sono solo per chi ha dato qualcosa, se avanzano te li posso dare.".
Ho chiesto ancora se proprio non fosse possibile averlo e a quel punto l'uomo ha scosso la testa, dicendo un "Poi te lo porto." che puzzava di uno di quei "Le faremo sapere." che vengono detti ai colloqui di lavoro. A quel punto ho girato le spalle e sono andato via.

Almeno una copia pensavo di meritarmela, ma secondo loro no. A questo punto potevano pure risparmiarsi il ringraziamento fasullo. E' naturale che, visto il trattamento, da adesso in avanti da me potranno aspettarsi questo:


Ero già abbastanza incazzato dopo aver saputo, esattamente il 13 novembre sera, che il tradizionale colpo di cannone notturno del 10 novembre era dedicato alla memoria di mio nonno e suo fratello, leggendolo sul manifesto. Avvisare la famiglia era evidentemente superfluo.

Circa tre mesi fa, fui invitato dal Presidente ad entrare a far parte del Comitato. Lasciai la risposta in sospeso, ma adesso ho deciso: NO, GRAZIE. SONO DIVERSO DAL COMITATO.

Chiudo lasciando un consiglio ai posteri. D'ora in poi, quando date qualcosa a qualcuno, allegategli sempre una banconota da 50 euro: state certi che di voi almeno si ricorderà.

Vincenzo Prudente

mercoledì 12 novembre 2014

Contro l'estorsione. I cittadini ci mettano la faccia, gli esercenti il coraggio, il comune i soldi

Propongo l'esenzione dalla TARI, l'IMU e la TASI per i commercianti che denunciano

Ciclicamente il comune di Adelfia e tutti i comuni limitrofi salgono agli onori della cronaca per vicende relative al racket delle estorsioni.
Ultima in ordine cronologico è la notizia di un commerciante taglieggiato, non da una, non da due, ma addirittura da tre famiglie.
Addirittura ha dovuto subire un attentato dinamitardo, il cui video ha spopolato sulle edizioni on-line di numerose testate giornalistiche

Tuttavia mi è difficile credere che questo commerciante fosse l'unico a dover subire una tale angheria e soppruso addirittura da tre soggetti diversi.

Ancora più pericoloso a mio avviso è constatare che sotto ai post che dentro Facebook riportavano la notizia, pochissimi fossero i commenti dei cittadini che evidentemente ben si guardano da esporsi su tale vicenda.

E' evidente che non si può chiedere ai commercianti di farsi coraggio e denunciare, se il cittadino addirittura sorvola sull'accaduto e non si esprime sulla vicenda.
Magari scriviamo chilometri di commenti sotto il don di turno che va su una giostra, ma omettiamo scientemente quello che accade nel nostro paese.

Il pizzo danneggia l'economia, il pizzo toglie posti di lavoro, il pizzo distrugge le famiglie.

Con questo post invito i cittadini adelfiesi a fare un gesto di responsabilità e di prendere una posizione mettendo sui propri profili, fino al 20 novembre l'immagine dell'associazione ADDIO PIZZO che potete scaricare QUI. Più cittadini dimostreranno di essere fattivamente vicini alla causa, magari più commercianti sapranno di non essere soli.

L'invito va anche al Sindaco Vito Antonacci e a tutti gli esponenti politici locali e avanzo loro una proposta.
Esenzione da tutte le tasse comunali  per 2/3/5 anni per i commercianti che decideranno di denunciare i propri aguzzini e che il Comune si metta parte civile nelle eventuali cause.

Io scometto sulle persone. Voi?

Antonio Di Gilio

martedì 4 novembre 2014

Tassa rifiuti 2014: La TARI riconferma le stesse aliquote della TARES 2013

CALCOLA QUANTO PAGHERAI
Anche quest'anno il blog vi fornisce un utile file excel

Il consiglio comunale ha approvato il piano finanziario per la TARI riconfermando le aliquote adottate si per le utenze domestiche sia non domestiche della TARES 2013.

Ovviamente il file è a titolo puramente dimostrativo e non vuole essere strumento per avere l'importo reale da pagare.
Il suo uso è al quanto semplice. Nel primo foglio "utenze domestiche" basterà inserire il numero di componenti del nucleo familiare e la superficie occupata. Immediatamente vi sarà indicato l'importo della  TARI. Ho inserito anche i dati del 2012 per ottenere un confronto con la TARSU.
Il confronto della TARES non è stato possibile mantenerlo considerato che parte della tassa è stata trasferita nella nuova TASI su cui vi invito a leggere l'articolo precedente:

"TASI: Le famiglie numerose pagheranno fino a 40 volte in più rispetto all'IMU del 2012"

Nel secondo foglio "utenze non domestiche", invece, dovrete inserire la categoria dell'attività economica e la superficie. Le formule inserite provvederanno a calcolare la TARI.

Ovviamente,vanno inseriti anche i giorni di effettivo utilizzo dell'immobile.

  E' prevista una riduzione pari al 30% della tassa sulle utenze domestiche:
  • per le famiglie con un reddito ISEE inferiore a 10.000 euro
  •  per famiglia con un portatore di handicap al 100% e un ISEE non superiore a 15.000 euro
  • da soggetti che occupano l' immobile ma residenti all'estero
Infine, è prevista una riduzione della tassa sulle utenze non domestiche in proporzione alle quantità di  rifiuti  assimilati  che il  produttore  dimostri  di aver  avviato al  recupero  nell’anno  di  riferimento,  mediante  specifica attestazione rilasciata dall’impresa, a ciò abilitata, che ha effettuato l’attività di recupero.

Scarica il file "Calcola TARI"

Antonio Di Gilio

TASI: Le famiglie numerose pagheranno fino a 40 volte in più rispetto all'IMU del 2012

Famiglie prima escluse, adesso dovranno passare alla cassa

Anche il consiglio comunale adelfiese è chiamato a discutere e deliberare sulle nuove tasse comunali appartenenti alla IUC.
Per coloro a dieta di imposte locali brevemente segnalo che la IUC è composta:
- dalla TARI: la spazzatura
- dall'IMU: per le seconde case e altri immobili
- dalla TASI: che di fatto sostituisce nella sostanza la vecchia IMU prima casa

A differenza della vecchia IMU la cui aliquota base era dello 0,4% (applicata dal comune di Adelfia), con una detrazione di 200 euro base e 50 euro per ogni figlio sotto i 26 anni, la TASI ha un'aliquota dello 0,1% senza detrazioni. E' a totale discrezione comunale la possibilità di aumentare fino allo 0,25% l'aliquota con l'obbligo di prevedere delle detrazioni. Compito dell'organo politico pertanto è individuare meccanismi equi per poter ripartire la nuova tassa.

La giunta comunale adelfiese, di tutta fretta vista l' imminente scadenza (sarebbe la seconda visto il rinvio di maggio) ha abortito una proposta che di fatto raddoppia l'aliquota base prevista dal legislatore nazionale, prevedendo delle detrazioni praticamente inutili e insensate. (clicca QUI)

AGGIORNAMENTO: 
L'aliquota viene pertanto innalzata dallo 0,1% allo 0,2% con le seguenti detrazioni:
- immobili con rendite fino a 200 euro una detrazione di 150 euro
- immobili con rendite da 201 euro  a 300 euro una detrazione di 100 euro
- immobili con rendite da 301 euro  a 500 euro una detrazione di 50 euro
Oltre nessuna detrazione.

COME SI CALCOLA la TASI PRIMA CASA?
Rendita catastale * 1.05*(160)*(N°giorni di possesso/365)* 2 
                                            1000

Innanzitutto faccio constatare ai geni che hanno redatto la delibera l' assoluta insensatezza nello scrivere i primi due scaglioni considerando che ad esempio una casa con rendita di 200 euro pagherebbe solo 67 euro senza detrazione. Quindi prevedere 150 euro è del tutto inutile, in quanto copre per 3 volte l'imposta base.
Ma evidentemente suona bene a chi legge. Sarebbe bastato scrivere che sono esentati tutti gli immobili sotto i 300 euro di rendita.

Ma passiamo agli altri scaglioni. Vi riporto le simulazioni da me fatte mettendo a confronto quanto pagato nel 2012 e quanto si pagherà se questa schifezza dovesse passare, considerando vari tipi di rendite e la presenza o meno di figli.


SIMULAZIONI RENDITA IMPOSTA DETRAZIONI SENZA FIGLI Δ% 1 FIGLIO Δ% 2 FIGLI Δ%
1 IMU 2012 € 200,00 € 134,40 € 200,00 € 0,00 = € 0,00 = € 0,00 =
TASI 2014 € 200,00 € 67,20 € 150,00 € 0,00 € 0,00 € 0,00
2 IMU 2012 € 300,00 € 201,60 € 200,00 € 1,00 = € 0,00 = € 0,00 =
TASI 2014 € 300,00 € 100,80 € 100,00 € 1,00 € 0,00 € 0,00
3 IMU 2012 € 350,00 € 235,20 € 200,00 € 35,00 93% € 0,00
€ 0,00
TASI 2014 € 350,00 € 117,60 € 50,00 € 67,60 € 67,60 € 67,60
4 IMU 2012 € 400,00 € 268,80 € 200,00 € 68,80 -26% € 18,80 171% € 0,00
TASI 2014 € 400,00 € 134,40 € 50,00 € 51,00 € 51,00 € 51,00
5 IMU 2012 € 450,00 € 302,40 € 200,00 € 102,40 -1% € 52,40 93% € 2,40 4417%
TASI 2014 € 450,00 € 151,20 € 50,00 € 101,20 € 101,20 € 101,20
6 IMU 2012 € 500,00 € 336,00 € 200,00 € 136,00 24% € 86,00 95% € 36,00 397%
TASI 2014 € 500,00 € 168,00 € 50,00 € 118,00 € 118,00 € 118,00

Come già spiegato le rendite sotto i 300 euro sono esentati come nel 2012. Tuttavia, la maggior parte degli immobili adelfiesi si trova nel range 350-450 euro ed è qui che il confronto con il 2012 fa paura.
Ad esempio una famiglia con 2 figli  che abita in una casa con una rendita di 450 euro se nel 2012 pagò solo 2,4euro quest'anno dovrà sborsare 101,20 euro . Insomma un moltiplicatore pari a 40 volte.
In rosso vi ho riportato,invece, i casi di famiglie che nel 2012 non pagarano alcuna imposta, ma che nel 2014 passeranno alla cassa.

Ancora una volta per mancanza di volontà e per una certa faciloneria ( visto che nemmeno si sono presi la briga di verificare la sensatezza delle detrazioni scritte) si scrive una tassa che non ha alcun senso e che fa pagare soprattutto le famiglie con figli. Ma la TASI non deve seguire la logica della tassa dei rifiuti. E' un imposta sulla proprietà e i figli per una società sono al contrario un'investimento che va protetto.

Antonio Di Gilio

Il mercato immobiliare adelfiese in saldo. Il nostro il crollo maggiore

Dal 2010 al 2013 i valori immobiliari sono scesi del 18%. Nessuno peggio di noi.

Anche nel 2013 il mercato immobiliare adelfiese subisce un altro tonfo dell'8% che sommato al -10 del 2012, raggiunge la ragguardevole cifra del -18%

Sono gli ultimi dati pubblicati dall'Agenzia delle Entrate relativi al II semestre 2013.
Ma è dall'analisi di più lungo periodo della quasi totalità della provincia di Bari che i dati dimostrano come il nostro mercato immobiliare ha subito una discesadavvero impressionante
Nella tabella ho inserito tutti i dati relativi alle quotazioni medie comunali rilevate dall'Agenzia delle Entrate calcolate come "media dei valori centrali degli intervalli di tutte le tipologie residenziali presenti in ogni zona".
Insomma, il valore indicato è una sorta di prezzo unico al mq di ogni tipo di immobile, reso omogeneo per permettere i confronti. Questi valori, nel prossimo futuro saranno utilizzati per calcolare le imposte sulla casa (IUC)


2010 2011 2012 2013 Δ%
COMUNI I semestre II semestre I semestre II semestre I semestre II semestre I semestre II semestre 2010/2013
ADELFIA € 1.204 € 1.206 € 1.206 € 1.149 € 1.101 € 1.027 € 988 € 988 -17,94%
BITRITTO € 1.380 € 1.380 € 1.380 € 1.400 € 1.330 € 1.286 € 1.240 € 1.240 -10,14%
CAPURSO € 1.225 € 1.225 € 1.225 € 1.185 € 1.185 € 1.067 € 1.067 € 1.020 -16,73%
MODUGNO € 1.534 € 1.542 € 1.542 € 1.542 € 1.542 € 1.556 € 1.548 € 1.548 0,91%
TRIGGIANO € 1.220 € 1.229 € 1.229 € 1.237 € 1.237 € 1.212 € 1.205 € 1.223 0,25%
VALENZANO € 1.612 € 1.612 € 1.612 € 1.612 € 1.612 € 1.612 € 1.612 € 1.612 0,00%
BINETTO € 859 € 859 € 859 € 841 € 802 € 774 € 741 € 741 -13,74%
BITETTO € 1.171 € 1.171 € 1.171 € 1.211 € 1.151 € 1.086 € 1.086 € 1.039 -11,27%
GRUMO € 1.106 € 1.106 € 1.106 € 1.106 € 1.106 € 1.113 € 1.108 € 1.068 -3,44%
PALO € 1.376 € 1.312 € 1.312 € 1.307 € 1.290 € 1.262 € 1.262 € 1.262 -8,28%
SANNICANDRO € 993 € 993 € 993 € 993 € 969 € 979 € 979 € 979 -1,41%
TORITTO € 852 € 852 € 852 € 852 € 852 € 852 € 852 € 823 -3,40%
ACQUAVIVA € 870 € 870 € 870 € 870 € 870 € 914 € 914 € 914 5,06%
CASAMASSIMA € 1.030 € 1.030 € 1.030 € 1.030 € 1.030 € 1.030 € 1.028 € 1.030 0,00%
CASSANO € 966 € 966 € 966 € 966 € 901 € 869 € 838 € 838 -13,25%
CELLAMARE € 1.227 € 1.228 € 1.228 € 1.183 € 1.128 € 1.128 € 1.073 € 1.073 -12,55%
CONVERSANO € 1.143 € 1.145 € 1.152 € 1.157 € 1.164 € 1.161 € 1.161 € 1.105 -3,32%
RUTIGLIANO € 1.164 € 1.189 € 1.189 € 1.189 € 1.189 € 1.189 € 1.189 € 1.189 2,15%
SAMMICHELE € 975 € 975 € 975 € 975 € 940 € 907 € 907 € 989 1,44%
TURI € 946 € 946 € 946 € 946 € 934 € 956 € 956 € 953 0,74%
Media € 1.142 € 1.141 € 1.142 € 1.137 € 1.116 € 1.099 € 1.087 € 1.081 -5,25%

Dal I semestre 2010 al II semestre 2013, Adelfia ha perso il 18% del suo valore, contro una media provinciale del 5% peggio di noi, nessuno. Capurso soltanto ci segue nell'andamento discendente, mentre addirittura Rutigliano vede crescere i suoi valori di oltre il 2%.

Da un'ulteriore analisi più approfondita, alla discesa costante dei valori si aggiunge anche il superamento di alcuni comuni che hanno valori immobiliari superiori ai nostri
Dal 2010 al 2013 siamo stati superati da comuni nell'ordine: Bitritto, Bitetto, Grumo Appula, Sammichele di Bari e con Sannicandro e Turi ormai a un soffio dal sorpasso.
Questo superamento, da parte di comuni certamente più distanti da Bari (basti guardare Valenzano o Modugno che hanno mantenuto invariato i loro valori) è significativo della crisi del nostro comune.

Il mercato immobiliare è certamente molto complesso nelle sue dinamiche, ma il forte crollo di ben 12 punti superiore rispetto alla media provinciale segnala che vi sono certamente problematiche endogene.

Insomma si tratta dell'appetibilità sul mercato del "prodotto" Adelfia.
In ultima analisi gli adelfiesi hanno bruciato il 18% dei loro valori patrimoniali. Un dato allarmante certamente da non sottovalutare.
Il lato positivo? Abbiamo raggiunto, credo, ormai il minimo. Per chi ne ha le possibilità è il momento di investire.

Antonio Di Gilio

TARI, TASI,IMU. Ad Adelfia si scrive IUC ma si legge aumento

L'aggravio, per le famiglie adelfiesi arriva a + 30% per il 2014. Aumenti anche per le attività

Dopo l'aumento con punte del 60% della vecchia TARES nel 2013, quest'anno è la TASI a far lievitare il conto. La ragnatela di imposte, in grado di mettere in crisi anche il miglior consulente, per il contribuente adelfiese si riduce a un semplice aumento.
Per conoscere le aliquote clicca QUI
Ovviamente le casistiche di contribuenti sono infinite ed è praticamente impossibile  avere un quadro complessivo.
Tuttavia ho prodotto 3 simulazioni di contribuenti tipo della nostra realtà in grado di dare il segno di ciò che sta accadendo.
Le imposte prese in esame sono tutte quelle locali: TASI, IMU, TARI e IRPEF comunale mentre i contribuenti sono:
  • Famiglia di 3 membri, monoreddito, con reddito lordo di € 20.000, con casa di proprietà di 100 mq e rendita catastale di € 500
  • Supermercato di 1000 mq con rendita catastale di € 4.500
  •  Ristorante di 350 mq con rendita di € 1.000
A seguito delle delibere relative alle nuove aliquote e tariffe è stato possibile ricostruire quanto, ogni singolo contribuente, versa alle casse comunali
Come è possibile verificare nella tabella, sono le famiglie a pagare il prezzo dell'aumento. La stessa famiglia tipo passa da 397 euro versate nel 2013 a ben 515 euro del 2014 con un aggravio di 120 euro pari a + 30%
Magari, non sembra una cifra impossibile, ma la famiglia in esame ha un reddito tra i 1.000 e i 1.100 euro.

Più limitati gli aumenti per i supermercati ( quasi +5%)  e per le pizzerie ( più del 3%).
Ma per queste categorie sono i valori assoluti a impressionare con gli oltre 13.000 euro per i supermercati e gli oltre 4.000 delle pizzerie e ristoranti.

Insomma si conferma ancora una volta la totale mancanza di una visione politica sul versante della fiscalità locale. Ancora una volta sono le famiglie a pagare il conto e a riempire lo stomaco dell'amministrazione pubblica locale che già tra il 2008 e il 2013 si è ingrassata di oltre 1 milione di euro (clicca QUI) e ha raddoppiato la pressione fiscale.
Insomma, l'amministrazione continua a spremere i cittadini e le famiglie offrendo servizi al quanto discutibili.
Continuanono ad aumentare gli incassi e la spesa corrente non si arresta. Insomma ancora per quanto ci riterrete degli sportelli bancomat?

Antonio Di Gilio